Skip to content

TECNOLOGIA QMR IN

La tecnologia QMR trova applicazione in ambito chirurgico attraverso la linea di Dispositivi Vesalius.
I bisturi QMR sono strumenti d’eccellenza che permettono al Chirurgo di operare con la massima delicatezza e rispetto delle strutture e dei tessuti biologici, in quanto permettono di tagliare e coagulare i tessuti molli ad una temperatura inferiore ai 50 °C.

Unicità

A differenza dei tradizionali Elettro e Radiobisturi, che basano il proprio principio di funzionamento su un mero trasferimento di energia termica (calore generato dal passaggio di corrente elettrica), i bisturi a QMR impiegano uno spettro di frequenze tale per cui l’energia trasferita si traduce solo in minima parte in innalzamento termico.

Come Funziona

La componente predominante di energia trasmessa al tessuto interagisce infatti direttamente a livello dei legami molecolari, scindendoli in modo atermico. Questo effetto è ottenibile grazie al fatto che le frequenze utilizzate dai Bisturi Vesalius sono estremamente alte (comprese tra i 4MHz ed i 16 MHz) e di valori tali per cui è massima la risonanza indotta sui legami molecolari stessi.

Taglio e Cougulazione

L’impiego dei bisturi Vesalius permette di ottenere un taglio estremamente preciso e delicato, grazie alla bassa temperatura di lavoro. La coagulazione si ottiene sfruttando lo stesso principio di trasferimento di energia. In questo caso però l’aumento di temperatura sul tessuto è leggermente più alto, entro i 65°C, in modo da permettere l’attivazione della denaturazione proteica del fibrinogeno, il quale, trasformandosi in fibrina, coagula i vasi senza danneggiarli.
TECNOLOGIA QMR IN
L’obiettivo perseguito dalla terapia con il Q-PHYSIO è una rigenerazione del tessuto danneggiato ottenuta attraverso la stimolazione delle cellule staminali adulte

Unicità

Diversamente dai più classici Dispositivi a Radiofrequenza, il principio di funzionamento del Q-Physio non si basa sull’effetto di ipertermia (riscaldamento). Grazie al particolare spettro di più frequenze trasferite contemporaneamente, ed attraverso la sua peculiare modalità di interazione a livello cellulare, vengono stimolate le capacità rigenerative del tessuto lesionato.

Perché il calore non rigenera?

Molte apparecchiature esistenti in commercio trasferiscono energia al corpo umano utilizzando luce o correnti elettriche ad una certa frequenza, per sfruttare l’effetto di riscaldamento. L’aumento di temperature crea una vasodilatazione che porta più ossigeno e materiale nutriente al tessuto traumatizzato, portando ad una riparazione. La riparazione sostituisce il tessuto danneggiato con connettivo fibroso (fibroblasti) che non ha né la forma e né la funzionalità del tessuto originario.

Come ottenere la rigenerazione del tessuto?

La rigenerazione è invece la sostituzione del tessuto danneggiato con un tessuto che ha la stessa forma e funzionalità del tessuto originario. Il Q-PHYSIO utilizza un ampio spettro di diverse frequenze (comprese tra i 4 MHz ed i 64 MHz) che vengono trasmesse contemporaneamente al tessuto. Impiegando più frequenze, aumenta enormemente la capacità di interagire con il tessuto stesso (ogni frequenza interagisce in modo leggermente diverso rispetto alle altre), stimolandone le capacità rigenerative.
TECNOLOGIA QMR IN
La terapia estetica con il dispositivo medico Rexon-age 2 stimola la rigenerazione dei tessuti cutanei e muscolari sottostanti, deteriorati dall’invecchiamento.

Unicità

REXON AGE 2 è un’innovazione tecnologica unica per il trattamento del corpo e del viso in modo del tutto non invasivo. Diversamente da molte apparecchiature oggi in commercio che si limitano a produrre un semplice riscaldamento del tessuto, il Rexon-age 2 promuove una stimolazione cellulare in modo del tutto peculiare, mantenendo bassa la temperatura ed evitando, pertanto, i rischi ed effetti collaterali che un suo eccessivo aumento potrebbe comportare.
Come ottenere la rigenerazione del tessuto?

I campi elettrici ad altissima frequenza con spettro in QMR, stimolano la produzione, da parte dei fibroblasti, di nuove fibre collagene ed elastina, fondamentali costituenti della matrice extra-cellulare. La presenza di queste fondamentali proteine nel derma ne determina il livello di tonicità ed elasticità.

Attraverso il trattamento con il Rexon-age 2, la pelle viene stimolata ad aumentare la produzione di queste importanti proteine costituenti la struttura di supporto della nostra pelle. Questo avviene sia tramite un’azione di stimolo rivolto alle cellule deputate alla produzione di esse (i fibroblasti) che attraverso l’induzione all’aumento della densità dei fibroblasti stessi, agendo sulle cellule staminali adulte contenute nella lamina basale.

TECNOLOGIA QMR IN

Telea Biotech è stata fondata nel 2011 da Telea Electronic Engineering per applicare la QMR nel campo dell’ingegneria tissutale.

Le ricerche di Telea Biotech stanno portando alla creazione di tessuti biologici che possano essere impiantati chirurgicamente su pazienti. Tra questi, la ricerca si è concentrata particolarmente sulla rigenerazione dell’esofago ma contestualmente anche ad altri tipi di tessuto.

TECNOLOGIA QMR IN

Dopo un lungo studio scientifico condotto con Professionisti di alto livello e con l’Università di Verona, è stato prodotto il dispositivo medico Rexon-Eye finalizzato al trattamento della patologia dell’Occhio Secco. Gli studi clinici condotti hanno dimostrato la grande efficacia dell’utilizzo di QMR, su questo tipo di patologia.

Vai al sito